TIRRENO-ADRIATICO – Tappa 3

La terza tappa della Tirreno-Adriatico 2019 era anche la più lunga: 226 chilometri tra Pomarance e Foligno, città situata al centro della Valle Umbra. Un passaggio dalla Toscana all’Umbria caratterizzato da un tracciato mosso ideale per gli attaccanti. 

Lo hanno dimostrato quattro fra i cinque uomini presenti nella fuga di ieri: Mirco, accompagnato da Alessandro Tonelli, Stepan Kuriyanov (Gazprom), Sebastian Schönberger (Cofidis), Natnael Berhane (Neri Sottoli) erano di nuovo in testa insieme a Alex Cataford (Israel Cycling). 

E con due traguardi volanti al programma, Paperino aveva l’opportunità di segnare punti importanti per la classifica a punti. Lo ha fatto e, anche se Kuriyanov ne ha segnato di più, indossa la maglia arancione nella Città dell’olio. 

Per quanto riguarda la vittoria di tappa, è stato Elia Viviani il più forte nella volata di Foligno. L’italiano della Quick Step ha beccato Peter Sagan (Bora Hansgrohe) e Fernando Gaviria (UAE). 

Mirco ha tagliato il traguardo al 139° posto, in un gruppetto di undici altri corridori – tra cui Tonelli – a 1’27” dal vincitore. Nella classifica generale, è 130° a 12’45” da Adam Yates, che conserva la maglia azzurra. 

Sono contento di indossare la maglia arancione, le emozioni sono indescrivibili. Ma mi dispiace aver buttato quattro punto oggi e se aggiungiamo un raffreddore da panico, i sentimenti sono un po’ contrastanti. 
Penso che Alaphilippe e Sagan potrebbero essere i favoriti per la maglia a punti. E Kuriyanov mi darà filo da torcere. 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *